Riprese con Drone: l’ uso illecito dei droni e le responsabilità di operatori e committenti

Ormai i droni sono sempre più utilizzati, infatti nessun evento o manifestazione possono dirsi importanti se non sono ripresi dall’alto. Per non parlare delle spettacolari immagini di sorvoli in città e delle riprese riutilizzate anche dalle televisioni, locali o nazionali.

Gli operatori APR, ossia operatori di droni qualificati, sanno che la maggior parte di queste riprese sono probabilmente effettuate senza il rispetto del Regolamento ENAC. Non solo, il più delle volte, i soggetti che le svolgono non hanno neanche la qualifica adatta.

Tali condotte violano le norme in tema di sicurezza della navigazione e possono costituire reato essere puniti con sanzioni pecuniarie, si pensi alla mancata assicurazione drone, obbligatoria per il lavoro aereo.

Riprese con Drone: le responsabilità di operatori e committenti

Spesso si pensa che il problema sia solo del pilota o dell’operatore, mentre chi ha commissionato il lavoro o utilizza le immagini non rischia nulla. In realtà non è così, sia che si tratti di un committente privato sia pubblico. Dal punto di vista della responsabilità civile, anche chi richiede di compiere delle riprese aeree con drone deve rispondere degli eventuali danni.

Se ad esempio il drone dovesse provocare dei problemi o se si verifichino dei trattamenti illeciti di dati personali dovranno risponderne sia l’operatore sia il committente.ciascuna di esse è passibile di sanzione.

Invece nella responsabilità penale, se un soggetto commissiona a un pilota un volo illegale, anche il committente può essere chiamato a rispondere degli eventuali reati.

Uso Illecito dei Droni: le casistiche

Violazioni della Privacy

La situazione si aggrava se vengono commissionate riprese con drone che immortalino immagini riguardanti la vita privata, specialmente si stanno svolgendo in un luogo privato, come casa propria oppure che costituiscano un trattamento illecito di dati personali

Acquisto di riprese illegali

Nel caso in cui il committente non commissioni delle riprese aeree con drone illegali, ma si limiti ad acquistarle, allora non risponderà legalmente. 

Tuttavia potrebbe avere dei problemi per quanto riguarda le interferenze illecite nella vita privata in quanto viene punito anche chi rivela o diffonde, tramite qualsiasi mezzo di informazione, al pubblico le immagini ottenute indebitamente.

Cosa accade se il committente di riprese aeree con drone è una Pubblica Amministrazione?

Ancora più grave è la situazione se a commissionare o ad acquistare le riprese con drone sia una pubblica amministrazione. Potrebbe verificarsi:una responsabilità per le contravvenzioni del codice della navigazione;una violazione delle norme di legge, che procurano un ingiusto vantaggio patrimoniale.

E’ chiaro che è necessario comprovare non solo la volontà del committente di affidare dei servizi o acquistare delle riprese illecite, ma anche l’intenzionalità del vantaggio patrimoniale a scapito dell’interesse pubblico.

Drone per Riprese Aeree: l’importanza di rivolgersi a operatori in regola

Per evitare di incappare in problematiche legali, penali e amministrative è fondamentale commissionare e acquistare le riprese con drone rivolgendosi a un operatore professionista, nel pieno rispetto del Regolamento ENAC.

Le dichiarazioni e le autorizzazioni sono disponibili sul sito dell’ENAC ed è facile verificare se si tratta di un professionista a norma o meno e quali siano i limiti di operatività.

assicuazione drone prezzo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *