Assicurazione droni: confronta online e scegli




Se vuoi sapere come si confronta assicurazione droni online devi cominciare a informarti sul fatto che si tratta di un campo nuovo per i professionisti italiani.

Fino al 2014 c’erano poche certezze relativamente all’utilizzo dei droni, il cui impiego per l’esecuzione di riprese poteva, in alcuni casi, essere considerato un reato. Di certo non si parlava della necessità di sottoscrivere polizze assicurative.

Con il regolamento Enac emanato nell’aprile 2014 la situazione è cambiata radicalmente, rendendo nulli i contratti stipulati prima del 30 aprile 2014 e introducendo di fatto un nuovo ramo tecnico nell’ambiente assicurativo italiano.

Assicurazione drone: il massimale minimo

Per avere le idee chiare sulle regole Enac e su come si confronta assicurazione droni online è necessario conoscere il massimale minimo che, sempre secondo il regolamento dell’Ente che fa riferimento a quello CE, è pari a 843.000€ per droni dal peso inferiore ai 500 kg.

Altra regola che è bene non dimenticare riguarda il fatto che qualsiasi drone sopra i 25 kg è considerato un mezzo industriale e professionale e quindi legato all’obbligatorietà di certificazione.

Confronta assicurazione droni: la gamma di alternative disponibili

Quando si tratta d’imparare come si confronta assicurazione droni online è bene ricordare che esistono prodotti molto diversi e che non è sempre facile scegliere, dal momento che il campo è molto giovane nel mercato italiano.

Online si possono trovare comunque alcune proposte, che consentono anche agli hobbysti di coprire i danni procurati dai droni utilizzati a livello amatoriale. Queste polizze base, che vengono sottoscritte grazie all’intermediazione di brokers, hanno un costo che parte dai 15/20€ annui.




Assicurazioni droni: cosa coprono

Prima d’iniziare a capire come si confronta assicurazione droni online è necessario avere le idee chiare sulle tipologie di rischi coperti. Ecco quali sono i principali:

  • Riprese di natura fotografica
  • Riprese di natura cinematografica
  • Riprese televisive e termografiche
  • Rilevamenti di natura ottica e termica
  • Valutazione dello stato d’infrastrutture
  • Pattugliamento
  • Osservazioni ambientali
  • Controllo tecnico di unità immobiliari attraverso infrarossi

Confronta assicurazione droni online: le opzioni disponibili

Per sapere come si confronta assicurazione droni online è necessario sapere che tra le compagnie che in Italia consentono di sottoscrivere una polizza assicurativa per i droni c’è Unipol, che consente di stipulare contratti in caso di possesso di droni di dimensioni superiori ai 25 kg (limite che secondo il regolamento Enac funge da spartiacque tra i droni utilizzati per scopi hobbystici e quelli impiegati per obiettivi industriali e di produzione).

Rc droni: quali altri riferimenti in Italia?

Quali sono gli altri riferimenti in Italia per chi vuole imparare come si confronta assicurazione droni online? Oltre a Unipol è bene citare anche Allianz, uno dei gruppi assicurativi più importanti che è entrato fin da subito in questo nuovo ramo del mercato assicurativo.

Cosa bisogna fare per informarsi? Semplicemente contattare il proprio agente assicurativo di fiducia e chiedere indicazioni in merito, ovviamente dopo aver presentato le caratteristiche del proprio drone.

Confronto assicurazioni droni: cosa sapere prima di stipulare il contratto

Prima di stipulare una polizza e d’informarsi su come si confronta assicurazione droni online è necessario avere le idee chiare sul regolamento, che non si ferma al limite di 25 kg già specificato nei paragrafi precedenti.




Oltre a questo è necessario osservare anche la differenza tra situazioni critiche e non critiche. Si parla di operazioni critiche nei casi in cui il drone è utilizzato in piazze, stadi, concerti, raduni, tutti luoghi affollati in cui rischia di cadere e di mettere a rischio l’incolumità delle persone presenti.

Le situazioni non critiche sono invece quelle in cui non è presente alcuni rischio per le persone presenti in un determinato contesto. Altra regola importante riguarda il raggio operativo del drone che, nel caso delle situazioni critiche, non può superare i 500 metri per 70/150 metri d’altezza.

Per i droni di grandi dimensioni è necessario considerare anche la necessità di un attestato di volo civile o sportivo, con l’obbligatorietà di presentare la certificazione relativa alla frequenza di un corso ad hoc finalizzato proprio alla gestione del drone (anche in questo caso il mercato italiano si sta aprendo e innovando).